Il contatto ‘pelle a pelle’ dona benessere

curare la pelle

Il contatto pelle a pelle può salvare una vita: l’epidermide è un importantissimo veicolo di emozioni e di benessere. Trattiamola come merita… naturalmente.

Durante lo sviluppo embrionale, il primo a svilupparsi, tra gli organi sensoriali, è la pelle.
Constatazione affascinante, direi, poiché eleva la cute a una dimensione superiore, che le spetta di diritto.
Chi non ha mai verificato, in prima persona, il ruolo

fondamentale che ha la pelle nel mediare l’affettività? Quando una persona che amiamo ci sfiora, ci accarezza, ci abbraccia, le “scintille” che, tramite la cute, raggiungono le aree cerebrali, liberano alcuni mediatori chimici che producono emozioni positive e… benessere. E sappiamo bene che il benessere è condizione essenziale per la nostra salute: mi ha colpito molto il caso del bambino in fin di vita “salvato” dall’abbraccio pelle a pelle della madre (leggi qui).
Credenze e miracoli a parte, è una storia simbolo dell’importanza vitale dell’amore dimostrato attraverso il contatto di pelle sin dai primi momenti di vita.
E, proseguendo nel corso dell’esistenza, è essenziale per la nostra salute, fisica e mentale, mantenere il contatto fisico con le persone che amiamo.

La pelle è talmente importante nelle relazioni umane che, non a caso, utilizziamo espressioni comuni come: “quella persona mi è simpatica a pelle”. Cioè, pur non conoscendola, essa ci è gradita istintivamente, e il contatto con essa non ci disturba, anzi ci provoca piacere, come se la pelle fosse il simbolo della nostra “intelligenza istintiva”.

Oltre alle funzioni sensoriali, utili anche per trasmettere informazioni al nostro cervello, la pelle ne ha molte altre: protettiva, termoregolatrice, respiratoria, di assorbimento, secretiva, escretiva, di attrazione sessuale e, non ultimo, sintetica (nel senso che nella pelle avviene anche la sintesi biochimica di sostanze essenziali per il nostro corpo, come la vitamina D).
La cute è dotata persino di un proprio sistema immunitario, e inoltre si rinnova incessantemente.

Insomma la pelle è un ecosistema naturale molto complesso e sempre in fervente attività, ed è la nostra prima difesa, non solo meccanica, ma anche contro la penetrazione di sostanze e microrganismi indesiderati e, allo stesso tempo, impedisce la perdita dell’acqua ed elettroliti dall’interno. Basterebbe solo questa difesa… da bodyguard, a farne un organo da privilegiare!

In più, aggiungiamo un fatto molto importante, almeno per noi che ci occupiamo di cosmesi: la pelle “sceglie”, ovvero assorbe e utilizza solo le sostanze “affini”, quelle che possono interessarla.

Essendo la pelle un sistema naturale, essa tenderà a “utilizzare” meglio le sostanze naturali, sfruttandole per svolgere le sue funzioni: è essenziale quindi che ciò che mettiamo a contatto con essa sia il più possibile naturale e dermocompatibile. L’alterazione dell’equilibrio cutaneo dovuto a un eccesso di sostanze “estranee” porterebbe infatti a conseguenze sgradevoli o dannose.

Noi di Elicina l’abbiamo sempre saputo, e da sempre ci siamo adoperati per rispettarla nel migliore dei modi possibili. E con la nuova linea Elicina ECO abbiamo oggi a disposizione un vero tesoro di sostanze naturali, ecologiche e dermoaffini che la pelle tollererà e… amerà!
Le nuove creme Elicina ECO (dove ECO sta per ecologica) sono infatti prive di parabeni, paraffine, siliconi, profumo e tutte quelle sostanze poco gradite, oltre che dalla pelle, anche dall’ambiente.
La percentuale di bava di lumaca è rimasta sempre la stessa (80%) a garanzia di qualità, di efficacia e di grande affidabilità per chi la utilizza con costanza.
La crema base, invece, presente per il restante 20%, che aiuta a rendere i mucopolisaccaridi di lumaca ancora più assorbibili, è quella che ha subito una profonda trasformazione formulativa nella direzione di una maggiore naturalità, per far bene alla pelle in modo ancora più completo rispetto al passato.

Continuare a scegliere Elicina, oggi che è anche ECO, significa aver compreso che il valore di una pelle in buona salute è essenziale per il nostro star bene.

Diana Malcangi, Chimico Cosmetologa