Quelle rughe che prima non c’erano

rughe dopo sole

Oppure le rughe di prima, ma più profonde. Dopo l’estate la pelle è provata dal sole, e solo ora si vedono gli effetti del fotoinvecchiamento, come le rughe ai lati degli occhi. Ecco la giusta routine per contrastare efficacemente le rughe.

L’esposizione al sole fa bene, l’abbiamo detto più volte.

E abbiamo anche detto che la nostra cute mette in atto degli accorgimenti affinché la stella più luminosa… non produca danni.

Ma la voglia di abbronzatura, a volte, è talmente tanta… che ci esponiamo in maniera esagerata e poco accorta.
L’ispessimento dello strato corneo e la produzione di melanina sono i più importanti procedimenti di difesa che sono attivati dalla nostra pelle: un modo per impedire al sole di crear danno in profondità, pur consentendogli di donarci i suoi benefici.
Anche questi due meccanismi, però, se non raggiungono il giusto equilibrio, possono risultare insufficienti a proteggere l’ epidermide.
E’ necessario dunque andare piano, prendere il sole gradualmente, per mantenere costante quel perfetto equilibrio tra benefici “estetici” e benefici interni e fisiologici, evitando i danni e prendendo, del sole, ciò che di bello e salutare può donarci.

Quali possono essere i danni di un sole preso in modo incosciente?
Disidratazione, in primis, la principale responsabile di una pelle che non piace, prima di tutto a noi stessi, e poi l’ispessimento dello strato corneo (ipercheratosi).

Questi due effetti, insieme, conducono a una pelle opaca, spenta, che “tira”, e che trattiene di più le impurità.
A ciò si aggiunge l’azione dei raggi UVA e UVB, che può portare facilmente a degradare le strutture cutanee più preziose: le fibre di collagene ed elastina, che si trovano nella matrice extracellulare del derma. Se si degradano, la pelle perde turgore ed elasticità e appare meno giovane.
Le radiazioni solari, inoltre, se non trovano la melanina a proteggere il nucleo delle cellule, possono addirittura danneggiare il DNA.
La conseguenza più immediata è il fotoinvecchiamento che, insieme agli anni che passano, (cronoinvecchiamento), può portare alla formazione di rughe.

Che fare per eliminare le rughe?
Prima cosa, possedere una salda pazienza. E poi molta, ma molta, costanza.
Lo dico perché qualsiasi strada si decida di percorrere (escludendo i metodi invasivi della chirurgia e della medicina estetica), bisogna seguirla con costanza quotidiana, avendo la pazienza di attendere i risultati.

La strada migliore che possa suggerirvi non è semplicemente di applicare “una certa crema”, bensì quella di un approccio “integrato”:

Una volta alla settimana
1.    Iniziare con una bella pulizia del viso, perchè i prodotti funzionano meglio quando la pelle è pulita e i pori sono liberi dalle impurità. L’ideale è esporre il viso al vapore (i cari vecchi suffumigi). Da ripetere almeno una volta alla settimana, per tutto l’autunno e l’inverno.
2.    Dopo i vapori, applicare una maschera idratante, nutriente e rigenerante. La potete realizzare voi stessi mescolando la polpa schiacciata di un piccolo fico con un cucchiaio di yogurt, un cucchiaino di olio d’oliva e un po’ di farina per addensare (più avanti con la stagione, potete sostituire il fico con altri ortaggi di stagione: kaki, zucca, carote, ecc.)
3.    Al termine del tempo di posa della maschera (circa 20 minuti), sciacquare bene la maschera, con acqua tiepida e infine fredda e applicare una buona crema nutriente, che aiuti a contrastare le rughe, come Elicina ECO Plus.

Tutti i giorni
1.    Detergere il viso con un buon latte detergente che elimini trucco e impurità, aiutandosi con un dischetto di cotone. Eliminare i residui passando una spugnetta umida. Risciacquare bene con acqua tiepida.
2.    (facoltativo) Passare subito dopo un cubetto di ghiaccio sul volto, come suggeriscono alcuni dermatologi: serve a far fare ginnastica ai capillari e ne aiuta l’ossigenazione.
3.    Applicare Elicina ECO Plus crema, massaggiando delicatamente.

Un buon prodotto antirughe deve avere, innanzitutto, un ottimo potere idratante, poiché la perdita di acqua è un fattore di invecchiamento che non perdona. Elicina ECO Plus crema, con i suoi mucopolisaccaridi di lumaca, assicura un apporto idrico costante perché trattiene l’acqua laddove serve e ne consente l’approvvigionamento agli strati cutanei che più ne hanno bisogno.
L’effetto idratante deve essere agevolato dalla rimozione graduale di quelle cellule dello strato corneo che non servono più e che rendono la pelle opaca. A ciò provvede, delicatamente ma egregiamente, un agente esfoliante ben conosciuto della linea di prodotti Elicina: l’acido glicolico, che oltre a levigare delicatamente la pelle consente alle altre pregiate sostanze di penetrare negli strati più profondi dell’epidermide, provvedendo, nel complesso, al rinnovamento della pelle.
Rinnovamento che è supportato dall’azione nutriente delle proteine, antiossidante delle vitamine e lenitiva dell’allantoina, tutte sostanze naturalmente contenute nella bava di lumaca.

Elicina ECO Plus crema è un forziere di tutti questi tesori per la nostra cute, ed è stata studiata per le pelli secche e sensibili, quelle più soggette alle rughe.
Invece, per le pelli miste e grasse, Elicina ECO crema è l’alternativa ideale: ha un tocco più asciutto sulla pelle e contrasta efficacemente le rughe, come dimostrano i test clinici.

Una ruga, per non svilupparsi, deve trovare l’ostacolo dei tessuti “pieni” e “vitali”. Che vuol dire? Vuol dire che una pelle che abbia fibre collagene ed elastiche sane, non sfibrate, e che abbia cellule in grado di rispondere alle sollecitazioni ossidative, compensando gli eventuali cedimenti, è una pelle che si opporrà meglio alla formazione delle rughe.
L’80% di bava di lumaca è garantita, ed è essa stessa garanzia di efficacia, come riportano anche i test clinici svolti dall’Università di Pavia.
Il trattamento completo di cui la nostra pelle ha bisogno, dopo gli eccessi estivi di sole, è tutto in Elicina ECO: per dire un NO deciso alle rughe!

Diana Malcangi, chimico-cosmetologa